Pappa buona

Progetto biennale “Peter Baby Bio”

Pappa buona nasce in Toscana, è la prima filiera corta degli omogeneizzati biologici, valutati nella loro palatabilità, cioè la gradevolezza al gusto.

Pappa buona
Progetto biennale “Peter Baby Bio”
Pisa. Appena finanziato dalla Regione Toscana l’omogeneizzato bio e a km zero: la filiera corta, arriva dall’Università di Pisa, in collaborazione con il Podere Pereto a Rapolano Terme, in provincia di Siena.
Scopo è sperimentare alimenti per l’infanzia innovativi per i metodi di produzione, la tracciabilità delle materie prime, i principi nutrizionali e sopratutto la sicurezza alimentare.
Marcello Mele, responsabile scientifico del progetto, professore del dipartimento di Scienze agrarie, dice: “ Testeremo gli alimenti, anche per la palatabilità, cioè la gradevolezza al gusto, prima e dopo la trasformazione per valutare il mantenimento delle proprietà nutrizionali originali e l’assenza di sostanze inquinanti e o tossiche, anche generate durante il processo di trasformazione”.
Almeno una volta nell’ultimo anno, 18milioni di famiglie, hanno acquistato biologico. Chi compra bio, preferisce acquistare prodotti che siano locali, per questo, il Podere Pereto a Rapolano Terme, produrrà gli omogeneizzati per la sua documentata esperienza nei sistemi di produzione da agricoltura biologica.
Franco Bordoni, titolare del Podere Pereto, afferma: “Gli omogenizzati saranno sia vegetali che di carne, in particolar modo di carni sia ovine che provenienti da bovini di razza Chianina. E questo per dare un’ulteriore connotazione di territorialità».
Pappa buona, nasce in Toscana.
Gli omogeneizzati bio, provenienti dall’agricoltura biologica di varie aziende toscane, prodotti e preparati in vasi di vetro, sono controllati dai ricercatori dell’ateneo di Pisa e di altre università: il progetto Peter Baby Bio, finanziato dalla Regione Toscana e coordinato scientificamente dall’Università di Pisa, è la prima filiera corta degli omogeneizzati biologici.
“Dopo una prima fase di messa a punto – afferma il titolare del Podere Pereto - in cui i prodotti dovranno passare una serie di prove e test, è prevista la commercializzazione di un prodotto che possa essere più salubre, di origine certificata e, sostanzialmente, più buono.
«Ci piace che aziende del nostro territorio siano punto di riferimento per la ricerca», ha commentato sul suo profilo Facebook il sindaco di Rapolano Terme, Emiliano Spanu.