Nuova trauma center

Modernità ed eccellenza per una Sanità più umana

Con l'inaugurazione del nuovo Trauma Center all'Ospedale di Careggi, il governo assicura che l'impegno a migliorare la qualità del servizio sanitario nazionale c'è e ci sarà nel futuro, promettendo nessun passo indietro per una Sanità che vuole essere affrontata con un'ottica più umana, il progetto iniziato porterà nel 2020 in Toscana, tutti ospedali nuovi o rinnovati

Firenze. Nuova struttura all'Ospedale fiorentino di Careggi, nasce "Trauma Center" e chiude da stasera il vecchio Centro traumatologico ortopedico.
Ieri l'inaugurazione con il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni che ha tagliato il nastro del nuovo comparto dell'ospedale fiorentino.
"Modernità ed eccellenza", ha detto Gentiloni accompagnato dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, presenti all'inaugurazione anche il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, il sindaco di Firenze, Dario Nardella e l'arcivescovo, cardinale Giuseppe Betori.
Così ha dichiarato il Presidente del Consiglio: "Io posso assicurare l'impegno del governo a migliorare la qualità del servizio sanitario nazionale. E' un impegno che c'è e ci sarà nel futuro. Su questo non facciamo passi indietro. L’impressione che ho avuto visitando questa nuova struttura è di orgoglio. Qui vediamo la straordinaria modernita’ ed eccellenza di una struttura pubblica. Sia nei luoghi attrezzati per i traumi piu’ leggeri, sia con le tecnologie piu’ avanzate nei luoghi per gli altri traumi, abbiamo l’orgoglio di vedere che c’è il meglio per organizzare uno spazio come questo".
Il Governatore della Toscana , orgoglioso della nuova struttura sanitaria, ha elogiato le donne per averne permesso la realizzazione.
Così si è espresso ieri Rossi: "Grazie prima di tutto a due donne, Monica Calamai e Stefania Saccardi, è grazie a loro se siamo arrivati a questo punto. Quello che viene inaugurato oggi non riguarda solo Careggi e Firenze ma tutta la Toscana. Il Trauma Center fa parte di un progetto generale di ammodernamento, un lavoro che ci ha visto impegnati per una ventina d'anni, e che entro il 2020 riusciremo a chiudere. Per allora, tutti gli ospedali della Toscana saranno nuovi o rinnovati". Aggiungendo: "Per avere una buona sanità ci vogliono personale adeguato, buona organizzazione, tecnologia. E noi tutto questo ce l'abbiamo. Non siamo perfetti ma qualche soddisfazione ce la stiamo prendendo".
Un investimento complessivo di oltre 11milioni di euro per 3700 metri quadri del piano inferiore del Padiglione 12, fra gli strumenti in dotazione al nuovo piano inferiore 3 TC, una risonanza magnetica, 4 sale radiodiagnostiche, 3 sale ecografiche. Circa 500 metri quadri utilizzati per spogliatoi e sale riunioni a cui si aggiungono altri 1200 metri quadri di spazio esterno per la realizzazione di 40 posti auto.
A Careggi, dunque, una nuova capacita’ di affrontare il problema con un'ottica umana.