SOSPESO TRATTATO DI SCHENGEN

Firenze, scali aerei: recarsi in aeroporto in anticipo

Nuovamente controlli alle frontiere, scattato ieri 10 Maggio sotto disposizione del Ministero dell'Interno con un decreto del 6 Aprile per i lavori del G7

Firenze. Scadrà il 30 Maggio, ma fino a quel giorno è stato ripristinato il controllo alle frontiere interne, sospeso momentaneamente, quindi, il Trattato di Schengen.
Nuovamente controlli alle frontiere, dunque, scattato ieri 10 Maggio sotto disposizione del Ministero dell'Interno con un decreto del 6 Aprile.
L'inizio dei lavori del G7 che si tengono nel nostro Paese, in programma da oggi a Bari fino al 13 Maggio e poi a Taormina nelle giornate del 26 e 27 Maggio ha dovuto sospendere il Trattato al fine di "garantire lo svolgimento regolare e ordinato dei vertici dei Paesi G7".
Toscana aeroporti ha perciò diramato un messaggio per i passeggeri dei voli negli scali di Firenze e Pisa affinché si rechino con un certo anticipo alle partenze.
Viene infatti richiesto di "recarsi in aeroporto dotati di documento d'identità in corso di validità e in anticipo rispetto ai tempi normalmente previsti, in modo da non incorrere in eventuali ritardi. Toscana Aeroporti, scusandosi per i possibili disagi, informa inoltre che potrà verificarsi un aumento dei tempi di attesa per i passeggeri in arrivo presso i propri scali".