bollino rosso

Firenze, monitorata situazione ospedaliera

Non si registra aumento degli accessi per le alte temperature, nei nove pronto soccorsi la situazione e' nella media con un numero di persone, rispetto allo steso periodo dello scorso anno, superiore solo di poche unità.

Firenze. Caldo tropicale, bollino rosso a Firenze attendendo per domani la giornata che gli esperti annunciano tra le più torride dell'anno. La situazione ospedaliera viene monitorata in tutti gli ospedali ricadenti nella macroarea Toscana Centro (Firenze, Prato, Pistoia, Empoli).
Essendo appena all'inizio di Agosto, per adesso pare che non ci siano grossi dislivelli nei ricoveri ospedalieri rispetto all'anno precedente, ma appunto si tratta solo dei primi giorni del ciclone "Lucifero", com'è stata chiamata l'ondata di caldo sahariano che sta lambendo tutta Italia.
Per adesso una nota rilascia che "Non si registra aumento degli accessi per le alte temperature, nei nove pronto soccorsi la situazione e' nella media con un numero di persone, rispetto allo steso periodo dello scorso anno, superiore solo di poche unità.
Al San Giuseppe di Empoli siamo passati da una media giornaliera di 180 accessi a 189 in questi giorni; al San Jacopo di Pistoia da 160 a 166; al San Giovanni di Dio da 130 a 149; al Santa Maria Annunziata di Firenze gli accessi sono rimasti invece circa 120 come negli altri giorni dell'anno, mentre al Santo Stefano di Prato si e' verificato un lieve calo rispetto alla media mensile con un dato assolutamente sovrapponibile al luglio dell'anno scorso e quindi con una media di 270 accessi giornalieri rispetto ai 300 degli altri mesi".
I medici riferiscono che solitamente in questo periodo si assiste ad un calo delle presenze in pronto soccorso dovute alle tradizionali vacanze estive mentre invece gli accessi restano stabili con ingressi che riguardano prevalentemente persone anziane e con patologie di maggiore gravita', anche correlabili al caldo, con riacutizzazioni delle broncopneumopatie croniche ostruttive, scompensi cardiaci e disidratazioni. Numerosi i codici di bassa intensita' assistenziale, verdi e azzurri, per problematiche legate al caldo come ad esempio le sincopi. Tuttavia, viene suggerito di limitare le attivita' all'aperto, soprattutto per anziani e bambini.