apertura stagione venatoria

Toscana, no caccia uccelli acquatici colpiti da siccità

Il 2 settembre si potrà sparare alla tortora africana e al colombaccio, oltre ai corvidi dannosi per le covate, con popolazioni in eccesso, come cornacchie

Nella preapertura della stagione venatoria in Toscana, sabato 2 e domenica 3 settembre, doppiette vietate contro gli uccelli acquatici (germani reali, alzavola e marzaiola) e i merli, e chiusura fissata per le ora 14 anziché per le 19.

Lo ha deciso oggi la Giunta regionale, adottando misure speciali per alleviare le sofferenze degli animali maggiormente colpiti dalla siccità.

Il 2 settembre si potrà sparare alla tortora africana e al colombaccio, oltre ai corvidi dannosi per le covate, con popolazioni in eccesso, come cornacchie, gazze e ghiandaie; sarà consentita, in deroga, la caccia agli storni.

Domenica 3 si potrà sparare invece solo a corvidi e storni.

La stagione venatoria vera e propria inizierà come annunciato il 17 settembre e si concluderà il 31 gennaio.

La Giunta ha inoltre deliberato l'adozione definitiva del regolamento unico regionale, che sostituirà i 91 diversi testi esistenti, e il prelievo selettivo della specie muflone nei comprensori della provincia di Livorno e Lucca.

Categoria: